Bitcoin non attirerà l’Unbanked, dice Mastercard SEO

L’amministratore delegato di MasterCard, Ajay Banga, ha detto che Bitcoin non aiuterà a depositare i fondi non depositati. Ha indicato la volatilità di BTC come uno dei principali ostacoli.

Le valute crittografiche, in generale, non aiuteranno l’inclusione degli individui non bancari nei sistemi di pagamento e nelle banche, afferma Ajay Banga, CEO di Mastercard. Tuttavia, l’azienda è ben lungi dall’ignorare del tutto le valute digitali.

Cercare di far entrare 1 miliardo di dollari nel sistema bancario
Secondo una recente notizia, l’amministratore delegato di Mastercard Ajay Banga, che è in missione per bancarizzare più di un miliardo di persone non bancarie in tutto il mondo, non vede molto uso nelle valute digitali per questo.

L’opinione di Banga è che attività come la Bitcoin non faranno un’attrazione così significativa verso l’inclusione finanziaria.

Secondo l’amministratore delegato, l’alta volatilità serve a far crollare le crittocorse. Egli ha evidenziato che il valore di quella più popolare (Bitcoin) fluttua di grandi quantità, sottolineando che proprio quest’anno una BTC ha cambiato il suo valore in dollari da meno di 5.000 dollari a marzo a quasi 14.000 dollari di recente.

„Il Bitcoin di per sé è volatile nella sua valutazione“, ha detto Banga, aggiungendo: „Riuscite a immaginare qualcuno che è finanziariamente escluso dal trading in modo da essere incluso attraverso una valuta che potrebbe costare l’equivalente di due bottiglie di Coca-Cola oggi e 21 domani? Non è un modo per includerle. È un modo per farli spaventare dal sistema finanziario“.

Cinque anni fa, l’amministratore delegato di Mastercard ha intrapreso una missione per aiutare 500 milioni di persone in tutto il mondo ad accedere al sistema finanziario e ai servizi bancari. Quest’anno il piano è stato aggiornato fino a un miliardo. Secondo Banga, le persone che non hanno un conto in banca soffrono la mancanza di accesso al credito, mentre pagano commissioni molto più elevate per le transazioni finanziarie tramite payday lender, ecc.

Tuttavia, la fiducia in Crypto rimane

Ciò che il CEO di MasterCard non è riuscito a delineare, tuttavia, è la natura resistente alla censura delle crittocittà decentralizzate, così come le barriere all’ingresso inesistenti.

In altre parole, chiunque abbia accesso a Internet può entrare a far parte della rete senza dover passare attraverso lunghe e, in molti casi, impossibili procedure di registrazione per aprire un semplice conto bancario, ad esempio.

Inoltre, una volta entrati a farne parte, non c’è un’autorità centrale che possa „chiuderti“ di per sé, indipendentemente dalla tua situazione economica o dalla tua posizione attuale.

Ciononostante, le sue parole sono degne di nota, perché alcune delle sfide intrinseche rimangono. Per esempio, le persone hanno bisogno di una comprensione relativamente alta della tecnologia e di un computer funzionante e di una connessione internet per diventare parte della rete Bitcoin – qualcosa che molti cittadini nei paesi del terzo mondo semplicemente non hanno.

Nonostante l’opinione del CEO, MasterCard è sulla strada dell’adozione delle valute digitali già da un po‘ di tempo. Come riportato di recente da CryptoPotato, l’azienda ha collaborato con il processore di pagamento britannico Wirex per espandere il suo programma di criptovalute e aiutare „l’adozione e la creazione di esperienze innovative nello spazio cripto“.

Related Post